Design, Progetti
Leave a comment

Ceramica & oro: i gioielli architettonici di Bela

2.ROUND THE WORLD necklace

I gioielli della designer greca Bela Louloudaki non passano inosservati. Lo dico perché lo so. Quando indosso una sua collana c’è infatti sempre qualcuno che rimane affascinato e non smette di scrutarla a distanza ravvicinata.

ENGLISH-TEXT-BLOCK

Non è però l’opulenza del materiale o l’eccesso delle forme ad avere questo effetto: il fascino dei gioielli di Bela, infatti, viene dalla loro estrema semplicità formale e dalla loro sofisticatezza suggerita, quasi sussurrata. Alla base di queste mini-architetture che si adagiano sul corpo c’è un principio elementare: quello della combinazione di vari elementi rigidi – nel suo caso dei tubicini di ceramica imbevuti di colore o di metalli preziosi – su un supporto morbido. C’è chi ha paragonato le creazioni di Bela alle architetture extra light di Richard Buckminster Fuller (leggi qui) e in effetti assomigliano tantissimo alle strutture eteree, fatte di vuoti segnati da linee nello spazio, dell’architetto-inventore americano. Ma la loro base morbida, il filo, permette ai singoli pezzi di ceramica di adagiarsi con leggerezza sul corpo accompagnandone le forme, diventando quasi dei tatuaggi colorati sulla pelle.

Sei architetto di formazione, hai studiato alla Sapienza di Roma. Aiuta esserlo per disegnare un gioiello?

Assolutamente si! Le regole della composizione architettonica sono applicabili a tutto quello che va disegnato: edifici, sedie e anche gioielli. Penso alla ricerca dell’equilibrio nelle proporzioni, negli accostamenti cromatici e nella funzionalita… è un procedimento che diventa automatico per chi lo ha imparato, anzi diventa quasi una seconda natura. Ma la cosa interessante in  questo rapporto architettura/gioielli è osservare anche il contrario. La mia esperienza nel disegnare gioielli mi aiuta infatti ad avere una mano più leggera e libera quando progetto architetture o interior e a osare di più sia nelle forme che nei colori. È un rapporto liberatorio…

3a.ANGEL STAR bracelet

Cosa rende speciali i tuoi gioielli?

Quello che cerco di dare ai miei gioielli è un eleganza non basata sul lusso. Sono oggetti contemporanei, ma non eccentrici. Per me  lo stile non deve nascere dall’eccesso.
Il mio materiale predominante, la ceramica, è usata sia nella sua forma naturale, che immersa nell’ oro. Questo accostamento innovativo dell’effetto terra con quello luminoso dell’oro, dà un fascino particolare. Usando questa ‘rete’ morbida composta da piccoli elementi di ceramica, i miei gioielli ottengono una flessibilità che per me e’ molto importante nelle forme. Un gioiello deve accompagnare il movimento del corpo. Adoro usare i colori e fare degli accostamenti intensi.

Come si sceglie un gioiello ?

Un gioiello si sceglie col cuore. Poi considerare  le analogie del corpo è importante: un gioiello deve accompagnare, far esaltare  e non ‘coprire’ la personalita’ di una donna.

L’eleganza oggi. 3 regole d’oro

Semplicita’, comodita’ e fascino.

Dove si comprano i tuoi gioielli?

La lista dei rivenditori è qui. Ma da settembre sono anche disponibili online sull’eshop Aesthet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *