Una domanda a
Leave a comment

Elisa Massoni

COME SI RIATTIVA LA CREATIVITÀ

La creatività rende migliore la specie, non solo l’individuo. Riesco a pensare all’essere umano solo come a uno dei numerosi abitanti del pianeta. Non è una prospettiva olistica: è invece una delle pochissime concessioni al mio scarso interesse per la scienza. Mi affascina questa specie che ha cercato uno spazio vitale integrando il cambiamento, l’evoluzione, la creatività, nelle proprie funzioni organiche.
La creatività è comune a tutti e fonte di piacere. Consente di trascendere i bisogni primari (sicurezza, parametri fissi, preconcetti utili alla definizione dell’io) per rischiare il mistero del nuovo. La dispersione salutare della certezza, il salto nel buio.
Non è sempre semplice. Frequentare la propria creatività in modo gratuito insegna come stare nel cambiamento, come essere dei cavalieri senza macchia e senza paura dell’evoluzione, come lasciarci vivere nel rischio di ciò che ancora non esiste.
Tendiamo a confondere creatività e la sua messa a regime economica. Errore grave che rende la vita meno fluida e ci allontana dal piacere.

Tornare al fare creativo significa metterci volontà. Non accade. Occorre fare silenzio e fare spazio. E lasciare che sia. Occorre metterci un pensiero etico di crescita e di evoluzione. E affidarsi alla realtà: il coraggio di fare arte, di inventare, di essere fluidi e sostanzialmente anche di perdere tempo per riuscirci, è l’unica possibilità di rimanere umani e di essere presenti a se stessi. Come si comincia? Facendo spazio. Passeggiando senza meta. Smettendo di leggere per qualche giorno. Frequentando i parchi e l’aria aperta. Ascoltando. Guardando i visi. Con l’idea di avere tutto il tempo e pochissimo tempo. Inventandosi una via pragmatica al coraggio dell’arte. Non sono io a dirlo. E’ l’uomo di Neanderthal che ha lasciato l’impronta della mano sulle pareti di una caverna 42.000 anni fa.

Elisa Massoni è la co-fondatrice di SpazioAlQuadrato un format che propone workshop e seminari che supportano e attivano la creatività, portando l’arte nelle aziende, nei gruppi di lavoro e nella vita delle persone.

LETTURE CONSIGLIATE:
Breve storia di quasi tutto, Bill Bryson
The Icarus Deception, Seth Godin
L’assassinio di Cristo, Wilhelm Reich
CONSIGLI PRATICI 1/ Stare in silenzio/ 2/ Osservare la proliferazione delle idee ordinarie 3/ Smettere di pensare alle idee nel cassetto 4/ Tempo per mostre, film, poesia, musica 5/ Eliminare un’abitudine 6/ Perdere tempo felici 7/ Coltivare fede cieca 8/ Scrivere 9/ Stare soli 10/ Imparare cose nuove 10 bis/Proteggere la propria creatività da incursioni di amici, figli e compagni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *