Città, Design, Progetti, Progetti in primo piano
Leave a comment

Non solo Fab Lab. Cosa sono le Fab City e perché potrebbero cambiare il mondo

È iniziato l’11 luglio (e prosegue fino al 22) il Fab City Summit di Parigi, un incontro internazionale per trasformare le città in luoghi di produzione locale e di connessione globale. Il Fab Lab di Barcellona spiega come sia possibile farlo. E perché è importante che i cittadini siano parte del cambiamento.

Basta guardare il programma del Fab City Summit che inizia l’11 luglio a Parigi (e prosegue fino al 22) per capire due cose. La prima è che i Fab Lab non sono quello che molti pensano. E cioè piccoli atelier dove si realizzano prototipi a basso costo o statuette in 3D. Al contrario, questi centri di progettazione e di manifattura digitale sono ormai diventati elementi chiave di un eco-sistema internazionale per il cambiamento economico e politico. Quello delle Fab City, appunto, che ha come scopo trasformare le città in centri di produzione locale, innovazione sostenibile e di connessione globale.

LEGGI ANCHE “LA SMART CITY NON è SMART”, BRUCE STERLING

Ecco perché al Fab City Summit ci sarà un Fab City Lab cui parteciperanno politici, amministratori cittadini, esperti nella creazione di eco-sistemi di innovazione e di aziende. A cui seguirà una Fab City Conference, per la quale sono stati scomodati guru come la sociologa Saskia Sassen. E i prof più avanguardisti come Neil Gershenfeld o Danielle Wood dell’MIT o Kate Raworth, economista della Oxford University.

LEGGI ANCHE: “LE CITTà CI SALVERANNO”, RICHARD FLORIDA

Ma leggendo il programma del Fab City Summit di Parigi emerge anche una seconda considerazione. E cioè che malgrado oggi i Fab Lab lavorino sempre più a fianco delle amministrazioni e in partnership con aziende e grandi realtà, rimangono sempre focalizzati sulla gente.

Gran parte della kermesse parigina, infatti, consisterà in un coinvolgimento di famiglie, studenti e persone di tutti i tipi. Dal 14 al 22 luglio, infatti, verrà svelato il Fab City Campus, un grande evento a entrata libera che permetterà al grande pubblico di scoprire 40 progetti realizzati da Fab Lab. E che coinvolgerà tutta la superficie della città. Perché una smart city non si costruisce senza smart citizens.

LEGGI ANCHE: MILANO RIPENSA IL 4.0

Delle ambizioni dei Fab Lab nella costruzione di un futuro più sostenibile abbiamo parlato con Kate Armstrong e Marco Sanalitro del Fab Lab di Barcellona. Cioè quello che ha originato il concept e il movimento delle Fab City…

Cosa vuole dire Fab City?

«Le Fab City sono una rete globale di città in grado di produrre localmente. La rete è nata proprio qui, a Barcellona, nel 2014, grazie a un’iniziativa dell’amministrazione comunale. Che si è chiesta: sarebbe possibile produrre il 50% di tutto quello che serve alla città in città? A questa call, noi del Fab Lab abbiamo risposto rilanciando: e se puntassimo al 100%? Significherebbe ripensare il nostro modo di vivere, consumare, spostarci oltre che produrre. È questo il cuore del progetto della Smart City come la concepiamo qui a Barcellona. Ed è intorno a questa idea che abbiamo iniziato a fare sistema con altre città o realtà locali. Le Fab City».

È un’utopia?

«L’idea può sembrare utopica. Ma è proprio per questo che unire le forze serve moltissimo. Un Fab Lab è solo un elemento di un eco-sistema in cui hanno un ruolo vitale: l’amministrazione pubblica, i cittadini, l’Unione Europea, le piccole imprese del territorio e anche alcune grosse aziende. E quando si mette insieme tutto questo sapere e potere si capisce abbastanza velocemente che creare un sistema di produzione diverso da quello attuale, più sostenibile dal punto di vista ambientale ma anche sociale ed economico, è possibile. La creazione di un circuito di Fab City, poi, è fondamentale per diffondere questo approccio sistemico capillarmente».

C’è il rischio che qualche formazione politica passatista consideri il vostro approccio come un ritorno all’autarchia del passato?

«Decisamente no. Perché sogniamo un’economia circolare, a produzione e consumo locale. Ma è qualcosa che solo un pensiero strutturato in maniera globale e sviluppato attraverso lo scambio culturale a tutto tondo può diventare realtà. Non a caso Barcellona è un centro high tech dove vivono tantissimi stranieri…»

Ma certo, quando parli di produzione locale, non ti riferisci – per esempio – alla produzione industriale pesante. Diciamo macchine o elettrodomestici…

«Noi pensiamo in un modo diverso. Non ci chiediamo: come possiamo costruire automobili in centro a Barcellona. Ma piuttosto: come possiamo permettere ai cittadini di spostarsi da un posto all’altro in città senza usare le autovetture? Partiamo, insomma, dall’analisi delle strutture lineari di produzione del passato e di tutti i fattori che ci hanno portati alla situazione in cui ci troviamo ora. Cioè con prodotti che hanno parti realizzate in un continente, che vengono poi assemblate in un secondo e poi venduti in un terzo. E poi, una volta compreso come, dove e perché produciamo in un certo modo, ci chiediamo come sarebbe possibile farlo in modo diverso».

Basta avere un Fab Lab per essere una Fab City?

«No. Ed è insito nella natura della Fab City – che è collegiale, multi-disciplinare, progettuale – che non basti. Ci muoviamo in un contesto fluido, in cui collaborano diverse realtà a seconda dei progetti. Non c’è Fab City senza un impegno delle amministrazioni, per esempio. Che forniscono i fondamentali spazi di lavoro. E non ci sarebbe Fab City senza le piccole e medie imprese che producono i materiali che servono per realizzare prototipi o sistemi. Né senza gli sviluppatori, gli scienziati, gli esperti in agricoltura, in gestione delle risorse idriche… La Fab City è prima di tutto una rete che permette di progettare il nuovo insieme».

Ma i Fab Lab hanno un ruolo importante nella Fab City, giusto?

«Sì. Perché sono il luogo di incontro di competenze diverse. E perché realizzano i prototipi che trasformano la città in un laboratorio di ricerca. Lo scopo è creare modelli diversi di produzione e di consumo. Non è un caso, del resto, che sia appena nata la Distributed Design Market Platform, un progetto finanziato dal Programma Creative Europe per promuovere la distribuzione del lavoro della comunità globale dei Fab Lab. Parliamo di 13mila tra maker, scienziati, artisti, ingegneri, educatori di tutte le età che lavorano in uno dei più di 1200 Fab Lab in 40 paesi».

Di che prototipi parliamo? Raccontiamo qualche esempio di cos’è la smart city pensata in questi termini: un luogo di economia circolare, produzione sostenibile e locale, connessione culturale globale e partnerariato da diverse forze creative.

«Lavoriamo moltissimo sulle strumentazioni digitali. Come i sensori del Grow Observatory. Li abbiamo distribuiti a un circuito europeo di coltivatori per raccogliere dati sulla qualità della terra. Unendo queste informazioni a quelle che ci arrivano da un drone che sorvola le piantagioni, dovremmo riuscire a perfezionare gli strumenti per l’analisi dell’umidità nelle aree coltivate a partire dai satelliti».

L’agricoltura che diventa digitale è parte della smart city?

«Assolutamente. Infatti abbiamo anche realizzato dei robot per le micro-fattorie (progetto ROMI) che liberano dalle erbacce e riducono il lavoro manuale del contadino del 25%. Il vero valore aggiunto di questi progetti non è però nel singolo device ma nella possibilità di mettere in rete i dati che i device raccolgono e utilizzarli per creare nuove soluzioni. Nel caso di ROMI, il robot raccoglie i dati sullo sviluppo delle piante nel tempo, con lo scopo di creare sistemi di monitoraggio agricoli su larga europea per permettere produzioni locali, biologiche e a costo contenuto».

È il principio dell’intelligenza artificiale: utilizzare una grande quantità di dati per realizzare macchine in grado di risolvere problemi specifici, progettate sulle effettive necessità delle persone… Ma in questo caso, al posto delle big corporation ci sono le Fab City. È così?

«Esattamente. Le Fab City, proprio perché sistemi collettivi che partono da un principio etico e sociale e non di profitto, sono gli strumenti per creare delle Smart City dei cittadini. In cui i dati appartengono alla collettività e in cui è la collettività a beneficiare del loro uso. Non è un caso che, anche in questo, Barcellona sia all’avanguardia. Infatti è Francesca Bria, la nostra assessora alla trasformazione digitale, a guidare il progetto Decode, che dà ai cittadini il completo controllo dei loro dati forniti quando accedono a piattaforme digitali…. Proprio per questo, perché i cittadini siano coscienti di quello che sta accadendo, investiamo così tanto nel loro coinvolgimento. Nei progetti, nello sviluppo creativo, nell’analisi dei risultati. Ecco anche il senso delle due settimane di porte aperte a Parigi. Perché la Fab City è una Smart City fatta con la gente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *