Una domanda a
Leave a comment

LORENZO PALMERI

COSA IMPARA UN DESIGNER DALLA MUSICA?

«A prima vista sono una persona divisa in due. C’è il Lorenzo Palmeri designer e architetto e c’è il Lorenzo Palmeri musicista. Questa divisione, che si riflette nel mio studio dove progetto oggetti e spazi ma anche musica, è solo apparente. Io infatti mi sento bene quando passo da un tavolo all’altro, quando lascio che le due discipline si intersechino generando stimoli reciproci: pongo sempre una particolare attenzione al suono degli oggetti, così come alla forma della musica.

Una chitarra, e in generale uno strumento musicale, credo rappresenti la metafora perfetta del progetto di design. Si tratta di un lavoro che fa leva su competenze specifiche, ha bisogno del sostegno e del dialogo con maestranze del settore, richiede una profonda immersione nei comportamenti, l’assorbimento di un alfabeto di gesti tecnici e la sensibilità per un’espressione musicale e corporea. Ma soprattutto uno strumento musicale resta muto se non c’è qualcuno che lo suona. Ed è proprio su questa centralità dell’essere umano che si misura la sua riuscita, proprio come dovrebbe accadere per ogni progetto di design. Alla fine, I pricincipi della progettazione – quelli che mi portano a spostarmi con leggerezza e curiosità da un tavolo all’altro nel mio studio – sono al di sopra di ogni disciplina. Il resto è solo tecnica».

Lorenzo Palmeri, designer e musicista. Nel 2006 ha progettato la Paraffina Slapster per Noah, poi utilizzata da Lou Reed fino alla sua morte.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *