Giovani designer, Progetti
Leave a comment

Non il solito treno del futuro

jenner eurostar_1

ENGLISH TEXT

Quando si parla del futuro, spesso ci si trova a confrontarsi con concept supertech: e, nel caso dei treni, con siluri ad alto tasso di testosterone pronti a stracciare record di velocità. Fa quindi piacere vedere che però c’è anche chi, pensando al domani, non scommette tanto su un ulteriore potenziamento delle performance, quanto sullo stile, riadattando (per ora solo nei loro sogni) veicoli esistenti.

jenner eurostar_2

L’ha fatto Christopher Jenner, riprogettando l’Eurostar. L’interior designer inglese in stile barocco pop (usando forme che ricordano un po’ quelle di Jaime Hayon) e l’ha pensato con finestre molto grandi, dai profili smussati, che proseguono fino al tetto. L’intero scompartimento è realizzato in legno, ottone e fibra di carbonio (traduzione contemporanea degli antichi ottoni e bronzi che si trovavano nei treni di lusso come l’orient express). Ovviamente il tocco high tecn non manca. Ogni sedile è dotato di servizi che lo rendono un’alcova personalizzata: aria condizionata, presa elettrica, connessione wi-fi). Ma la loro forma curvata, in capitonné, e l’uso del colore giallo, trasformano il treno da non luogo a uno spazio intimo.

parisian-rer-train-transformed-like-versailles-5-600x393

In Francia, invece, Encore Eux Agency ha pensato a un Rer per Parigi in stile Chateau de Versailles. Ci sono dipinti, sculture e affreschi a soffitto. Ma anche una replica della libreria del castello, della Sala degli Specchi e della Sala delle Battaglie.
Un po’ kitsch? Sicuramente. Ma apprezzo molto chi progetta per il futuro non dando per scontato che il ‘meglio’ sia il look high tech. Senza contare che, per chi viaggia da pendolare come la sottoscritta, anche questi sogni pazzerelli sono una boccata d’aria fresca. Da Trendland e Thefoxisblack.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *